"Megghiu pèrdiri ‘n’amicu
chi scattàri lu viddicu"
(Meglio perdere un amico che far scoppiare l’ombelico)
Meglio rischiare di ferire un’amicizia nel pudore piuttosto che trattenere una letale flatulenza

"Li guai di la pignata
li sapi la cucchiàra chi l’arrimina"
(Le asperità della pentola le conosce solo il cucchiaio che le mescola)
Le questioni interne sono note solo a chi di competenza

"La addìna fa l’ovu
e all’addu c’abbruscia lu culu"
(La gallina fa l’uovo e al gallo brucia il sederino)
Di una fatica si lamenta sempre chi non la fa

"La minchia ‘n culu ri l’àvutri
è comu un filu ri fratta"
(Il pene nel sedere degli altri sembra sempre un ramoscello di paglia)
I problemi altrui sono sempre poca cosa

"Si ba’ a pecuri e t’arrinièsci,
pigghiala rossa chi la nica crisci"
(Già che pratichi l’abigeato e la fai franca, almeno ruba un grosso animale giacchè quello piccolo può ancora crescere)
Se commetti un atto turpe, accertati quantomeno che il guadagno sia commisurato al rischio

"Dunni c’è macchi,
c’è cunìgghia"
(Dove c’è macchia mediterranea ci sono conigli)
Se si ha sentore di qualcosa, ci sono buone possibilità che qualcosa ci sia

"Megghiu u scrùsciu ri catini
ca scrùsciu ri campani"

(Meglio sentire il rumore delle catene che quello delle campane)
Meglio essere arrestati che morire

"La buttana vecchia
nun s’a’ scantatu mai di li cazzi grossi"
(La donna dai facili costumi anziana non si spaventa mai dei grossi peni)
Chi ha esperienza non rifugge mai le grandi avversità 

"Un tèniri amicizia cu li sbirri
ca cci perdi lu vinu e li sicarri"

(Non stringere amicizia con i poliziotti altrimenti perderai il vino e i sigari)
Evita di frequentare le forze dell’ordine se non vuoi che si approprino a scrocco delle tue fortune

"Cazzu arrittàtu
un canusci parintàtu"
(Il membro in erezione non conosce parentela)
Un uomo eccitato sarebbe in grado di trombarsi anche i suoi parenti

"Si vo’ iri cchiù sicuru,
lassa lu sticchiu e pigghia lu culu"
(Se vuoi andare sul sicuro, lascia il clitoride e prendi l’ano)
No comment

"L’acqua, si fussi bbona,
nun si ittàsse vaddùna vaddùna"
(Se l’acqua fosse buona, non la si butterebbe nei canali)
Elogio del vino

"Cu si marita sta cuntento un jornu,
cu ammazza un porcu sta cuntentu un anno"
(Chi si sposa gioisce per un giorno, chi scanna un maiale gioisce per un anno)
Mettere in dispensa un suino dà una gratificazione maggiore del matrimonio

"Fimmina ca s’impùpa e fa toletta,
o è nnammurata o è kaiorda netta"
(La donna che si abbellisce e si trucca
o è innamorata o è una gran troia)

 
"Babbiànnu babbiànnu,
lu sceccu s’inculò a so’ mà"
(Scherzando scherzando, l’asino ha sodomizzato sua mamma)
Stupore di fronte a chi, lentamente e senza dare nell’occhio, è riuscito a portare a termine una grande impresa

Ringrazio
quest’uomo per avermi fornito le delucidazioni ortografiche e semantiche fondamentali ai fini di una corretta stesura dialettale.
Un grazie anche all’Emmolo per la sua consulenza proverbistica relativa alle versioni della saggezza popolare più aggiornata della Sicilia nord-occidentale.

Annunci